Pubblicazioni volute o ispirate dalla Kademia du Krivu

Qui sono i titoli e gli autori di alcune delle pubblicazioni realizzate in circa un decennio interamente con la “tavola grafica” siciliana proposta dalla Kademia du Krivu:

-          Lizioni di beddu skriviri n’sicilianu (F.M. Provitina, 1996)
-          U karrettu sicilianu (A. Guccione, 1996);
-          Skurdanzi siciliani (A. Guccione, 1996);
-          Rispichannu rikurdanzi (G. Capuano, 1996);
-          Di unni veni u pani (A. Guccione, 1997);
-          Funtana sikka (E. Mirabello, 1997);
-          Faiddi di opra (A. Guccione, 1997);
-          I kosi duci e boni (A. Nicosia, 1998);
-          Faiddi di opra II (A. Guccione, 1998);
-          Rifrissioni rimati (O. Scancarello, 1999);
-          Viaju sicilianu (F.M. Provitina, 1999);
-          Domenico Modugno a cura di F.M. Provitina, 1999;
-          Santo Calì a cura di F.M. Provitina, 1999;
-          Leonardo Sciascia a cura di F.M. Provitina, 1999;
-          Attilio Guccione a cura di F.M. Provitina, 1999;
-          Sinossi di etnologia e glottografia siciliana (F.M. Provitina, 2007);
-          Dizionario siciliano-dialettale etno-glottologico a più chiavi di lettura con riporto dall’italiano (F.M. Provitina, 2007);
-          Glottografia siciliana (F.M. Provitina, 2007).

 

Altre pubblicazioni sono state parzialmente scritte con la koinè scritturale:

-          Atti del convegno “Eirkte” a cura di F.M. Provitina, 1995;
-          Boschi e società F.M. Provitina (parte), 2000;
-          Sicilia una storia (F.M. Provitina, 2005);
-          Storia universale di Agira e del suo Santo (F.M. Provitina, 2006);
-          Santa Missa a cura di F.M. Provitina, 2006;
-          La lingua siciliana attraverso la saggezza popolare a cura di F.M. Provitina, 2015;
-          Viaggio di un siciliano (F.M. Provitina, 2015).

Per non dire di alcuni testi di narrativa con frasi in siciliano di M.P. Villanova tra il 1998 e il 2008, di opuscoli a carattere religioso di C. Rattoballi e U. Russo, di volantinaggio politico di G. Scianò e di intrattenimento di A. Ciaramitaro, oltre, naturalmente, a interventi televisivi e a parecchi articoli di F.M. Provitina su giornali vari (“Il castello”, Sicilia imprenditoriale”,”Kalos”, “Sotto il castello”), a materiale divulgativo di A. Guccione per “Arte Sicilia” e ad articoli dello stesso e di A. Nicosia su “Il castello”, a dicianove numeri del “Bollettino Sociale” della “Kademia du Krivu”e ad alcune pubblicazioni istituzionali del Corpo Forestale tra cui il libretto della S. Messa 27 luglio 2008, il Calendagenda 2008/2009 e il Calendario 2009.

Nell’ottobre del 2011 Maurizio Odoardo De Fino pubblica (con ed. Boogie) “Il piede di Federico”, un romanzo storico in cui scrive nel siciliano della “Kademia du Krivu” una multitudine di frasi palermitane.

Stefano D'ArrigoMi veni ora n‘menti ka nô so beddu rumanzu ntitulatu “Horcynus Orca”Stefanu D’Arrigu parra da diffirenza di kuannu na kosa si kanuxi pikì à statu “vista ku l’ochi” rispettu a kuannu si kanuxi “pi ntisu diri”. Ebeni, iu visti ku l’ochi i sforzi fatti di menbrî da “Kademia du Krivu” nô tintativu di ridari dignità di lingua ê tanti parrati dialittali ka s’anu iutu furmannu na sti urtimi sekuli a kausa du fattu ka a cintralizazioni statali nun à lassatu spaziu a nudda autra kurtura.

Midema visti ku l’ochi i frutti (ankora grezi/jerbi, n’virità) ka si vanu manu-manu rikughennu kka e dda sempri spiranzusu ka a pulitika rijunali vutassi na bona vota pajna na sta dirizioni facennu si ka i prufissurruna si aprikassiru na stu studiu di risuxitari a skrittura propria da lingua siciliana partennu, pikì no, di sta pruposta lancata da “Kademia du Krivu”.

Nino MartoglioOj u “krivu” eni komu u krixenti ka fa gunchari u mpastu di pani. Iu stissu spirimintai ku veru piaciri e ntiressi sta mituduluja skritturrali: idda nun eni a nvinzioni di na lingua, eni, nveci, a riskuperta da proprio lingua. Idda va aparichata kuntinuamenti, kka e dda, ku forza e ku tutti i mezi di kumunikazioni, nê kunvegni, nê dibattiti, nê kunfirenzi, nê siminari di studiu e a tutti banni unni si po e unni s’ariva, akusì facennu unuri a ddu nsonnu ka nô passatu fu di Toniu Vinizianu dittu Veneziano (1543-1593), Juanni Meli (1704-1815), Miciu Tempiu dittu Tempio (1750-1821), Ninu Martoghu dittu Martoglio (1870-1921), Alessiu Di Juanni dittu Di Giovanni (1872-1946), Juanni Toniu Di Juanni-VannʽAntò (1891-1960), Santu Kalì dittu Calì (1918-1972) ka prifireru skriviri n’sicilianu tra i tanti lingui di patrunanza pi fari du sicilianu a lingua naziunali di Sicilia.